TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Lezioni di CNA per i dipendenti e i dirigenti di Bolzano

Una giornata a lezione di CNA per il team di CNA Alto Adige. Un momento formativo che ha coinvolto nella mattinata di giovedì 27 ottobre i dipendenti della struttura, nel pomeriggio invece è stata la volta dei dirigenti. Dopo l'introduzione da parte del presidente regionale Claudio che ha sottolineato l'importante di "fare e essere sistema", sono saliti in cattedra il direttore di Ecipa Giuseppe Vivace prima e il direttore Divisione Organizzazione e Sviluppo del Sistema Armando Prunecchi dopo.

Le imprese hanno bisogno di prospettive a lungo termine

La crisi energetica che, ha ricordato il presidente nazionale CNA Dario Costantini, ha portato le aziende a fare i conti con un aumento del 300% nei primi mesi di questo 2022 e che senza interventi rischia di provocare la decimazione di intere filiere produttive, ma anche le sfide del PNRR e la mancanza di lavoratori specializzati sono alcuni dei temi toccati a Taormina nell’assemblea nazionale di CNA, alla quale ha partecipato anche una delegazione altoatesina capitanata dal presidente territoriale Paolo Ferrazin, dal vicepresidente Rodolfo Gabrieli e dal segretario Gianni Sarti.

Cerchi un locale per la tua azienda? C'è il COWORKING CNA-SHV

Stai cercando uno spazio per la tua azienda?
Nel coworking CNA-SHV ci sono gli ultimi locali disponibili.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Qual è l’impatto del conflitto russo-ucraino sull’attività degli artigiani e delle piccole imprese? Rispondi al QUESTIONARIO CNA

Gentili Associati CNA Trentino Alto Adige,

La guerra in Ucraina rischia di paralizzare l’attività di tanti artigiani e imprenditori, alle prese con le difficoltà di approvvigionamento e di personale e con l’aumento vertiginoso dei prezzi delle materie prime e dei prodotti energetici.

Una spirale che contribuisce ad alimentare l’inflazione e a rallentare la domanda interna. Per le imprese manifatturiere ciò si traduce in mancanza di componentistica necessaria per la realizzazione dei prodotti finali, con conseguenze pesanti sugli scambi con l’estero. Oltre alla diminuzione delle vendite verso i paesi in guerra, si potrebbe infatti registrare un accorciamento delle filiere produttive. Insomma, ci troviamo in un momento complesso che potrebbe indurre mutamenti significativi sui processi produttivi, gli scambi commerciali e, più in generale, sul sistema economico nazionale.

Per analizzare l’impatto del conflitto russo-ucraino abbiamo elaborato un questionario indirizzato ad artigiani e piccole imprese italiane. Le risposte raccolte ci aiuteranno a indirizzare al meglio la nostra azione di rappresentanza.

Rispondi qui