TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Serramenti, BeOpen quest'anno si terrà online: dedicato a Superbonus 110% e Ecobonus 50%

Torna l’evento del settore serramento organizzato dal Consorzio LegnoLegno che si svolgerà con uno format: interamente online e gratuito.

Focus dei webinar saranno gli scenari legati alle sfide del Superbonus 110% ed Ecobonus 50%, il decreto legislativo 48/2020 , le nuove normative di settore e tanto altro!

I percorsi degli incontri online saranno suddivisi in 3 workshop di approfondimento

Camera di commercio: Estate 2020, Edilizia altoatesina: grande incertezza sul futuro

Dall’indagine estiva del Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano emerge come un terzo delle imprese del settore edile giudichino insoddisfacente la redditività nell’anno in corso. La crisi dovuta al Coronavirus ha colpito duramente fatturati e investimenti.

Negli ultimi sei anni il settore edile altoatesino si era contraddistinto per un continuo miglioramento del clima di fiducia, anche grazie al buon andamento della domanda pubblica e privata. L’epidemia di Coronavirus ha bruscamente interrotto questo trend positivo, tanto che solo due terzi delle imprese confidano in una redditività soddisfacente nel 2020. Gli imprenditori e le imprenditrici segnalano una forte contrazione del fatturato, che ad aprile e maggio è stato inferiore rispettivamente del 41 e del 20 percento in confronto agli stessi mesi dello scorso anno. Il calo è stato particolarmente marcato nelle branche della costruzione di edifici e dei lavori di impiantistica e completamento, mentre nel comparto dell’ingegneria civile già a maggio la riduzione del giro d’affari si limitava al dieci percento.

Comitato Paritetico Edile (CPE), le linee guida Covid-19 per l'edilizia scaricate 17mila volte. Quasi il 20% dei cantieri non ha avuto problemi, interventi correttivi in tutti gli altri

Il Comitato Paritetico Edile non ha perso colpi nemmeno durante il lockdown, diventando un vero e proprio centro di competenza sulla formazione e sulla sicurezza sul lavoro nella fase di emergenza sanitaria e in questo periodo di difficile ripartenza. Ha inoltre acquisito un ruolo internazionale perché le best practice e il protocollo per la sicurezza realizzati dal CPE, per far ripartire i cantieri garantendo la salute dei lavoratori, sono stati inseriti sulla piattaforma internazionale per lo scambio di buone pratiche in edilizia legate all’emergenza Covid-19 gestita dall'ISSA, l’Istituto Internazionale Sistemi Sicurezza sul Lavoro, una organizzazione no profit (www.issa.org, www.issa.org/covid-19-update-from-issa-international). 

Il comitato di gestione, coordinato dal presidente Claudio Corrarati, ha approvato nei giorni scorsi la relazione sull’attività 2019 e sul primo semestre del 2020. Sono stati effettuati 266 corsi con 3.592 partecipanti nel 2019, la previsione per il 2020 è di 250 corsi e 2.950 addetti formati tra corsi per la formazione e corsi di aggiornamento, direttamente del CPE o aziendali e nelle scuole.

CNA Trentino Alto Adige: "Ristrutturazioni e risanamenti, sbagliato escludere i serramenti. Efficaci anche i singoli interventi sugli immobili"

CNA Trentino Alto Adige giudica molto positiva la volontà del Governo di elevare fino al 110% le detrazioni per i lavori di efficientamento energetico e per l’edilizia sostenibile, ma considererebbe inutile e dannosa l’esclusione dei singoli interventi dai benefici dell’ecobonus potenziato.

“La sostituzione dei serramenti – sottolinea la CNA regionale - ha rappresentato, fin dall’avvio delle detrazioni per la riqualificazione energetica degli edifici, la tipologia di intervento che ha coinvolto maggiormente le famiglie italiane per la semplicità e la praticabilità. I serramenti hanno contribuito negli anni in modo determinante al raggiungimento di importanti traguardi in termini di risparmio energetico degli edifici. Escludere i singoli interventi dal potenziamento dell’ecobonus penalizzerà le imprese del settore, già prostrate dalla crisi economica provocata dal Covid-19, escludendole dalle opportunità di agganciare la ripresa dell’attività attesa nei prossimi mesi”.