TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Contributi alle piccole imprese, la Provincia stanzia tre milioni. Domande dal 1° febbraio

La Giunta provinciale ha deciso lo stanziamento di 3 milioni di euro per sostenere le micro e piccole imprese. Priorità agli investimenti in tecnologia.

Anche quest'anno la Provincia, tramite la Ripartizione economia, mette a disposizione fondi per sostenere le micro e piccole aziende artigianali, industriali, commerciali e di servizi con un massimo di 49 dipendenti che investono nella loro impresa. Oggi (26 gennaio) la Giunta provinciale ha approvato le linee guida per la concessione dei contributi e ha definito i relativi fondi da destinare.

In considerazione delle ristrettezze di bilancio dovute all’emergenza Covid-19, solo tre dei sei milioni di euro previsti sono attualmente disponibili per questo scopo. L’assessore prevede comunque un aumento dei fondi nel corso dell'anno. Per il 2021 la Provincia continuerà quindi la precedente strategia di finanziamento. Viene ancora data priorità alla trasformazione tecnologica e digitale delle piccole imprese. Un'attenzione particolare continua ad essere riservata ai negozi di vicinato. Chiunque faccia investimenti utilizzando il volume edilizio esistente, sia attivo in zone strutturalmente deboli, metta in atto sinergie o attui misure di internazionalizzazione, riceverà punti aggiuntivi. Anche le donne e i giovani imprenditori ricevono un’attenzione particolare. Dei tre milioni di euro attualmente disponibili, 2,5 milioni di euro sono destinati ai settori dell'artigianato e dell'industria. Mezzo milione di euro è riservato, invece, al settore del commercio e dei servizi.

Gli investimenti in attrezzature, software e hardware e macchine compresi tra 20.000 e 500.000 euro sono finanziati con sovvenzioni del 20%. È possibile richiedere finanziamenti per gli investimenti aziendali dal 1° febbraio al 24 aprile. Le graduatorie verranno stilate entro il 30 giugno 2021. Le domande devono essere presentate online sul portale myCIVIS utilizzando l'identità digitale SPID.

IMI, esenzioni e riduzioni per le imprese colpite dalla crisi

Le aziende altoatesine che hanno fatto registrare una riduzione di almeno il 20% del fatturato potranno beneficiare di esenzione o dimezzamento dell’IMI. Definiti i criteri dalla Giunta provinciale.

Già lo scorso anno, alla luce della crisi economica provocata dal Covid-19, la Giunta provinciale aveva deciso di abbattere l’imposta municipale immobiliare (IMI) per le aziende altoatesine che avevano subito delle perdite, inserendo il passaggio nella legge sull’assestamento di bilancio approvata dal Consiglio provinciale. Nel corso della seduta di oggi (26 gennaio) su proposta del presidente Arno Kompatscher, l’esecutivo ha definito i criteri per poter usufruire di riduzioni e agevolazioni IMI per il 2020, dando tempo sino al 31 gennaio alle imprese per presentare la relativa autocertificazione.

In sostanza, per bar, ristoranti, alberghi, affittacamere (e appartamenti), rifugi alpini e per i fabbricati destinati ad attività culturali, del tempo libero e allo svolgimento di attività sportive, l’IMI 2020 sarà dimezzata. Non solo: l’esenzione IMI sarà totale se la riduzione del fatturato risultasse superiore al 20%. Rispettando lo stesso criterio (calo di fatturato di almeno il 20%), dovranno versare solamente la metà dell’imposta le aziende proprietarie di immobili destinati a industria, artigianato, commercio, agricoltura, servizi e attività professionali (uffici e studi privati). Esenzioni e riduzioni non si applicheranno alle aziende che nel 2020 hanno registrato un volume di affari pari o superiore a quello dell’anno precedente.

Per sostenere questo provvedimento, la Provincia aveva stanziato per il biennio 2020-2021 una somma di poco superiore a 53.700.000 euro. 

Working green, driving green: progetto CNA-Mazda. Secondo Test Drive per verificare la mobilità elettrica con la Mazda MX-30. Da oggi in prova a CNA Fita

?Working green, driving green
? Piero Cavallaro, referente regionale della CNA Fita Autotrasporto ha cominciato oggi il secondo test drive CNA-Mazda (Gruppo Auto Ikaro)
? Un progetto di CNA e Mazda: undici Test Drive per verificare la mobilità elettrica in diversi contesti imprenditoriali e familiari
⚡️ Cavallaro porterà la Mazda MX-30 totalmente elettrica tra le aziende del settore (autotrasportatori, corrieri, noleggio con conducente, tassisti) per ragionare con le imprese sull'opportunità di acquistare e utilizzare veicoli green
? Altri imprenditori, manager e professionisti si alterneranno alla guida della MX-30 fino ad inizio aprile. Uomini e donne selezionati in base alla predisposizione verso la mobilità, al carico di lavoro personale e familiare e alla tipologia di impegno quotidiano, guideranno la nuovissima Mazda MX-30, vettura al 100% elettrica, con autonomia fino a 280 km, di dimensioni e prestazioni idonee sia per far parte di flotte aziendali, sia per essere utilizzata in famiglia e nella vita privata.
 
#staytuned 

Superbonus 110%, una grande chance per l'economia. Klimahouse Digital Edition: CNA e Confartigianato organizzano un confronto tra i presidenti nazionali e territoriali con il sottosegretario Fraccaro

“Superbonus 110%, una grande chance per l'economia”. E’ il titolo dell’evento digitale organizzato congiuntamente da CNA-SHV e lvh.apa con le rispettive associazioni nazionali, CNA e Confartigianato , nel corso della Klimahouse Digital Edition. Parteciperanno alla tavola rotonda come relatori: l’onorevole Riccardo Fraccaro, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri; Marco Granelli, presidente nazionale Confartigianato Imprese;  Daniele Vaccarino, presidente nazionale CNA;  Martin Haller, presidente lvh.apa Confartigianato Imprese; Claudio Corrarati, presidente CNA Trentino Alto Adige e portavoce CNA Nord Est.

L’appuntamento è in calendario mercoledì 27 gennaio, dalle ore 14:30 alle 15:15.

Per la prima volta CNA e Confartigianato Imprese in modo unitario (sul doppio livello nazionale e regionale) organizzano un evento con una sola voce, quella dell’Italia che lavora,  sul tema del Superbonus.

Gli obiettivi: approntare una giusta cornice affinché il provvedimento e le opportunità connesse possano davvero coinvolgere tutti i player del territorio, anche al fine di perseguire un percorso rivolto alla massima qualità; sciogliere nodi ancora irrisolti sul funzionamento dell’incentivo;  per agire avanzando da Bolzano una proposta di un nuovo manifesto per l’utilizzo del bonus come un’opportunità verso un patrimonio edilizio più sano, salubre, circolare e sostenibile.

La moderazione sarà curata dalla giornalista Maria Chiara Voci (giornalista e contributor de il Sole 24).

Per ulteriori informazioni e per partecipare all’evento digitale cliccare qui

https://www.fierabolzano.it/it/klimahouse/event/superbonus-110-cna