TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

CNA SHV Fita punta su una visione globale del trasporto di merci e persone: efficienza, efficacia e sostenibilità

  • Published in News
: Il direttivo della CNA-SHV Fita. Da sinistra: Karl Aichner, Patrizio Giampietro, Juri Galbvan, Azem Celhaka, Mirco Siviero, Maurizio Giampietro e il presidente di CNA Trentino Alto Adige, Claudio Corrarati : Il direttivo della CNA-SHV Fita. Da sinistra: Karl Aichner, Patrizio Giampietro, Juri Galbvan, Azem Celhaka, Mirco Siviero, Maurizio Giampietro e il presidente di CNA Trentino Alto Adige, Claudio Corrarati

È una “squadra” che sarà impegnata su tanti fronti, quella della CNA-SHV Fita, la Federazione dell’Autotrasporto che comprende molti settori, dal trasporto merci (trasporto nazionali e internazionali, corrieri, logistica) al trasporto persone (taxi, NCC Auto e NCC Bus), con tematiche così variegate da rendere necessario un approccio trasversale che consideri il mondo dei trasporti in tutte le possibili sfaccettature, comprese quelle legate alla tutela dell’ambiente e alla sostenibilità nel lungo periodo, senza mai perdere di vista efficienza ed efficacia.

 

L’assemblea che ha riunito la categoria, sabato sera, ne è stata la piena dimostrazione: alcuni partecipanti sono stati costretti a collegarsi in remoto perché lavoravano. E questa è la prima peculiarità del comparto: merci e persone si muovono 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno, festivi compresi.

La CNA Fita (Unione Nazionale Imprese di Trasporto) dell’Alto Adige sarà guidata per il secondo mandato, con compiti di coordinamento tar i vari mestieri, da Juri Galvan, autotrasportatore, la cui azienda omonima è molto presente a Bolzano e Bressanone. Il mestiere specifico del trasporto merci è stato invece affidato, dai colleghi che hanno votato in assemblea, Ad Azem Celhaka, la cui azienda, con sede a Bolzano, è molto attiva su tutto l’asse del Brennero. Il “team” del trasporto merci comprende anche Gerhard Thaler (azienda con sede a Merano) e Abdarrazak Ouzanzoul (impresa con sede a Bolzano).

La necessità di individuare referenti per vari settori del trasporto, ha consigliato agli associati di nominare nel direttivo Massimiliano Sciannamea (piccoli trasportatori), Mirco Siviero (logistica specializzata), Maurizio e Patrizio Giampietro (corrieri), Italo Mejia (consegna prodotti editoriali).

Il trasporto persone verrà invece rappresentato da Karl Aichner (Ncc Auto) e da Claudio Dal Gobbo (presidente della cooperativa Taxi Bolzano).

Sono davvero tante le tematiche sul tappeto: dal confronto con l’Autobrennero per le condizioni delle aree di sosta ai divieti settoriali del Tirolo che mettono in gravi difficoltà le imprese al di qua del Brennero; dal fenomeno del cabotaggio che crea concorrenza sleale al rispetto degli orari di guida; dalla carenza di personale alla necessità di formazione specialistica per i giovani; dalla consegna merci nelle città, in particolare nel centro del capoluogo al rinnovo delle flotte con veicoli il più possibile ecologici; dalla sicurezza dei veicoli (che riguarda anche merci e persone trasportate) alla digitalizzazione della logistica; dalla necessità di integrare il trasporto pubblico con gli operatori privati (taxi, Ncc Auto e Ncc Bus) alla carenza di parcheggi per i mezzi pesanti.

I primi appuntamenti sono già in agenda: la lunga trattativa con il Comune di Bolzano sulla consegna merci e il confronto con Autobrennero sull’estensione del progetto BrennerLEC.

L’assemblea di sabato è stata anche l’occasione per salutare e ringraziare Piero Cavallaro, funzionario della CNA-Fita regionale, da poco andato in pensione.