TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Rete Economia pressa la Provincia: decisioni chiare, tempi certi e confronto costante con chi rappresenta le aziende. L'incertezza dopo il 7 gennaio impedisce di programmare, danni enormi

“Egregio Presidente Kompatscher, in vista del 7 gennaio, le chiediamo di condividere preventivamente le scelte su aperture o proroga delle chiusure delle imprese, in modo da consentirci di fornire le nostre osservazioni e, se possibile, anche preziosi suggerimenti e di informare per tempo le aziende”. E’ il contenuto del messaggio inviato da Claudio Corrarati, presidente di CNA-SHV e coordinatore di Rete Economia-Wirtschaftsnetz.

“A meno di tre giorni dalla scadenza delle misure previste dall’ordinanza provinciale 76 e dal decreto legge nazionale – commenta Corrarati - sia il Governo sia la Provincia non hanno dato indicazioni. Continua a mancare il rispetto verso le aziende, verso le persone che devono essere messe in condizione di organizzarsi”.

La imprese non sono solo serrande che si alzano e si abbassano a piacimento. “Occorre ordinare le forniture, sistemare i magazzini, igienizzare i locali, nel caso della cura della persona prendere gli appuntamenti e rispettarli, stabilire i turni del personale, programmare ferie e permessi, far fronte alle assenze per malattia e quarantene, avere certezza del funzionamento o meno delle scuole, poter contare sulla clientela per un numero ben definito di giorni della settimana, garantire i servizi, ad esempio quelli per l’infanzia.

“In queste condizioni, tra indiscrezioni romane, speranze sudtirolesi, norme statali, norme provinciali in parte differenti, il tutto all’ultimo minuto – conclude Corrarati - è impossibile far lavorare bene le imprese. Il mondo economico e quello del lavoro pagheranno un prezzo altissimo che si ripercuoterà inevitabilmente sui bilanci e sui servizi pubblici”.

 

Rete Economia - WirtschaftsNetz (RE/WN) è il coordinamento che associa CNA-SHV, Confesercenti, Coopbund e CooperDolomiti.  Nato a giugno 2013, dopo un percorso di avvicinamento e di condivisione di obiettivi strategici per la nostra economia da parte delle Associazioni di categoria e delle Centrali cooperativistiche, RE/WN si occupa delle tematiche istituzionali di interesse per il territorio, con particolare riguardo al fondovalle e ai principali centri urbani della provincia, partendo dal Capoluogo. Le quattro associazioni datoriali rappresentano 7.000 imprese e 16.000 addetti di svariati settori economici e del terzo settore. Rappresentanti di RE/WN sono impegnati in numerosi enti e organismi istituzionali, operanti in settori chiave del nostro tessuto economico, portando avanti le esigenze, le istanze e le proposte del Coordinamento e delle relative imprese aderenti.