Logo
Print this page

CNA regionale: "Le imprese rispettano norme e protocolli, i contagi sono altrove. Tutela della salute e salvaguarda del sistema economico procedano di pari passo"

“La tutela della salute e la salvaguardia del sistema economico possono e devono procedere di pari passo. Le misure di contenimento dovrebbero ispirarsi a questo filo conduttore insieme a buon senso, equilibrio e responsabilità individuali e collettive. Sapevamo che avremmo dovuto convivere con il virus per un tempo indeterminato, in attesa del vaccino, ed attrezzarci per rafforzare la strategia di contrasto al Covid-19. In attesa di conoscere e approfondire il nuovo provvedimento del Governo, intendiamo sottolineare alcune evidenze. In particolare i luoghi di lavoro e le attività aperte al pubblico hanno dimostrato di non rappresentare focolai di diffusione del virus. Le imprese stanno rispettando in modo rigoroso le disposizioni ed i protocolli che hanno contribuito a definire”. Lo afferma Claudio Corrarati, presidente della CNA Trentino Alto Adige.

Cna Trentino Alto Adige – aggiunge Corrarati - si mette da subito a diposizione, come già fatto nella prima parte dell’anno,  per concordare e condividere soluzioni che possano da una parte tutelare i cittadini, ma dall’altra non mettano in difficoltà le aziende, nelle quali la tutela della salute è sempre rimasta valore primario e inderogabile”.

La Confederazione condivide l’impostazione del Governo a modulare gli interventi per prevenire misure più restrittive che avrebbero un impatto devastante sulla società e sull’intero sistema economico.

“Tuttavia, la riduzione degli orari di alcune attività insieme ad altre restrizioni al tessuto economico – evidenza la CNA - producono un impatto negativo su vasti settori già in grave sofferenza mentre non è certo il loro effetto di contenimento del virus considerando che quasi l’80% dei contagi avviene in ambito familiare. È fondamentale il senso di responsabilità da parte di tutti e il rispetto delle poche e semplici regole così come la capacità degli enti locali e delle forze dell’ordine di far rispettare le disposizioni contro gli assembramenti e assicurare l’osservanza delle norme. Un appello anche ai mezzi di informazione, strumento prezioso per mantenere alta l’attenzione, ma evitando di alimentare un clima di paura”. 

FaLang translation system by Faboba
© 2014 CNA-SHV service soc. coop – via Righi 9, Bolzano – Reg.Impr.-C.Fisc.-P.Iva 01055580219 – Reg.Prov.Coop.N.A145544 – PEC cnashvservice.bz@cert.cna.it